RUN FOR AUTISM: A ROMA VINCE LA SOLIDARIETA’. OLTRE 2500 PARTECIPANTI IN GARA PER SOSTENERE IL PROGETTO FILIPPIDE. AL VIA ANCHE IL PRESIDENTE DEL CONI MALAGO’

E’ stata una giornata speciale per gli oltre 400 ragazzi autistici del Progetto Filippide che il 29 novembre, a Roma, sono stati i protagonisti della “Run For Autism”, la corsa su strada che ha chiuso la tre giorni di eventi dedicata a loro. Sulle strade della Capitale, accompagnati dai loro istruttori e da oltre 2000 runners, i ragazzi provenienti da tutta Italia hanno corso, chi la prova competitiva di 10 chilometri chi la non competitiva di 2,5 chilometri, testimoniando così quanto lo sport sia capace di integrare e sensibilizzare l’opinione pubblica.

Significativa in tal senso la partecipazione del Presidente del CONI Giovanni Malagò e del Sub Commissario alle Politiche Sociali di Roma Clara Vaccaro.

L’evento promosso dal Progetto Purosangue-Filippide, giunto alla quarta edizione, ha avuto anche il merito di raccogliere fondi per aiutare i ragazzi a praticare sport quotidiniamente attraverso il progetto “Autismo in corsa” sostenuto dalla Fondazione Vodafone Italia, e da destinare alla ricerca scientifica. Tutto il ricavato delle iscrizioni e della vendita della scarpa da running adidas Supernova Glide Boost 7 limited edition personalizzata “Run For Autism-Progetto Filippide è stato devoluto in beneficenza.

Complice anche la giornata soleggiata la gara è stata un successo. Un fiume di podisti con indosso la maglia arancione marchiata adidas dedicata all’evento ha colorato il Lungotevere e il Villaggio Olimpico per poi chiudere la prova con il giro di pista all’interno dello Stadio Paolo Rosi all’Acquacetosa. A vincere la gara compettiva (circa 1000 i classificati a questa prova) in campo maschile è stato Mark Francesco Ridger che ha chiuso in 32:40, precedendo Giampietro Anastasi (33:05) e il giovane pentatleta azzurro Alessandro Colasanti (33:08). Pentathlon moderno protagonista della gara perché oltre al terzo posto di Colasanti in campo maschile, la giovane pentatleta azzurra Irene Prampolini ha centrato il successo nella prova femminile chiudendo in 39:06. Secondo posto per Laura Casasanta (39:36), perzo per Luminita Lungu (39:41).

L’evento è stato realizzato grazie al sostegno di Fondazione Vodafone Italia, Ethiopian Airlines, Forhans, LBM Sport, Igienisti Dentali Associati, TDS, Sant’Antonio, SMA, Sky Runner, e al patrocinio di Comitato Italiano Paralimpico, Fisdir, FIDAL Comitato Regionale Lazio e A.I.R.C.