Il binomio perfetto per essere un runner
Non servono solo gambe e cuore per essere un runner ma serve passione e determinazione, soprattutto se la distanza da percorrere è 21km. Ne sa qualcosa il Dott. Francesco Landi, Professore Associato Medicina Interna, Fondazione Policlinico A. Gemelli di Roma che in semplici parole trasmette una grande emozione. Un esempio di tutto rispetto per chi vuole avvicinarsi alla corsa. 
“Chi mi conosce si starà chiedendo: “ma il prof. Landi è un runner?”.
Non so bene che cosa significa essere veramente un runner! Quello che so è che non me lo ha chiesto nessuno di fare la Rome Half Marathon Via Pacis.
Sono anni che da medico e ricercatore mi occupo di longevità, di prevenzione e di stili di vita. È per questo che è nata la Longevity Run ed è per questo che ci ho messo sempre la “faccia”.
Se sei convinto delle tue idee e dell’evidenza delle tue ricerche devi essere necessariamente in prima linea. Per me essere in prima linea significava e significa essere sempre pronto al nastro di partenza e arrivare a tagliare il traguardo.
Questa era la mia sfida che ho da subito condiviso con Max Monteforte. Ho seguito al meglio tutta la tabella di allenamento e i consigli che mi ha dato. Quando ho tagliato il traguardo e ho fermato il cronometro che avevo al polso ho visto 1:48 alto. Incredibile! Era esattamente il tempo che Max voleva da me! Grazie. Ce l’ho fatta!
A quasi 56 anni posso ancora correre 21 km in meno di due ore! 
In questi giorni ho detto ai miei amici che questa è la cosa più bella che ho fatto negli ultimi anni.
Ripenso ai 21 chilometri e resto meravigliato di come ricordo ogni singolo passaggio, un film con tutti i dettagli, i colori, le sensazioni e anche i dolori che di chilometro in chilometro affioravano.
È stata una sinergia perfetta tra muscolo e cervello. Non ci crederete ma una delle mie lezioni preferite per gli studenti di medicina è “Muscle and brain connection”! 
Ho sentito le gambe e le braccia, ho sentito il cuore, ho sentito il respiro … penso di aver provato cosa significa essere un runner.
“Merito della squadra… e la mia squadra è differente!”